Perché hai scelto di lavorare con Familia Doc?

Perché per realizzare rapporti familiari solidi e soddisfacenti è importante prendersi cura del “ben-essere” dei singoli individui.

 

Maria Grazia Santoro

Psichiatra

Quali sono le tue aree di maggior competenza?
Psicofarmacologia. Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale Integrazione Probiotica di Precisione

Quali prestazioni offri?
Visita Psichiatrica, Sedute di Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale

Come si svolge la tua visita/consulenza?
Durante il primo incontro, ascolto il racconto del paziente riguardo le sue difficoltà. In seguito, vengono definiti gli obiettivi della terapia in modo collaborativo tra paziente e medico, concordando un piano di trattamento.

Quali sono le domande che le persone formulano più di frequente?
Qual è la differenza tra psichiatra e psicologo?

Lo psichiatra è un medico specialista in psichiatria ed abilitato all’esercizio della psicoterapia. Lo psicologo non è un medico bensì un professionista laureato in psicologia, abilitato all’esercizio tramite esami di stato. Entrambi si occupano dei disturbi mentali dell’individuo, lo psichiatra lo fa da un punto di vista emotivo, cognitivo e medico, richiede e valuta esami medici e può prescrivere farmaci e psicofarmaci. Lo psicologo può tuttavia sostenere la persona attraverso il colloquio ed il sostegno empatico.

Iniziare una terapia psichiatrica significa che dovrò prendere psicofarmaci a vita?

A causa del preconcetto, ancora attuale, rispetto ai disturbi mentali ed al loro trattamento, non è infrequente che i pazienti facciano resistenza a consultare uno psichiatra. In realtà l’intervento è sempre calibrato sul singolo paziente. Ci sono disturbi psicologici che non hanno bisogno di farmaci, ma di sola psicoterapia. In alcune condizioni, come gli attacchi di panico, alla psicoterapia si associano gli psicofarmaci affinché l’individuo possa trarre il massimo vantaggio dal percorso psicoterapeutico. Infine, vi sono alcuni disturbi gravi, come le psicosi e i disturbi bipolari, in cui l’intervento psicofarmacologico è indispensabile per far ritrovare al paziente quel livello di lucidità tale da entrare in relazione con un’altra persona. In queste condizioni, dopo una prima fase in cui i dosaggi sono più alti, si effettua una riduzione progressiva per arrivare ad una dose minima di mantenimento.

Ho sintomi fisici, tutti gli esami medici hanno confermato che non c’è nulla che non va. Cosa mi sta succedendo?

Tutti quei sintomi che non siano riconducibili ad una patologia documentata, si definiscono psicosomatici. Un approccio efficace verso questi disturbi richiede la convergenza di diverse competenze specialistiche, coordinate da uno psichiatra psicoterapeuta.